Arles e dintorni_Rencontres & Voies off 2017

È notte. Ascoltiamo la piccola Arles, il suo centro che sonnecchia: i vicoli risuonano di qualche arpeggio di chitarra sceso da finestre socchiuse. Si sta esaurendo lo scirocco del sud e il Rodano cambia le sue correnti. Ma ancora gli occhi e le orecchie sono piene di immagini e parole fotografiche.
Bicchieri di plastica e fogliame sparso ci accompagnano verso casa spinti dal vento tenue che sembra addolcire il clima caldo di questi giorni. Ascoltiamo il suono del silenzio cittadino con le ultime biciclette che si ritirano e le voci di chiacchere della buona notte prima di tirare le somme di una settimana interminabile.
Il festival ufficiale ha mantenuto un tono pacato, un ritorno alla sobrietà entre i Voies Off hanno fagocitato il volto dei rencontres e spesso surclassano per clamore i nomi che molti operatori della fotografia sono chiamati a seguire.
Ci lasciamo comunque seguire dalla corrente, anche noi siamo “off” e finiamo i nostri giri come al solito nella nostra “casetta galleria” oramai diventata punto di ritrovo di curiosi e fotografi che vogliono farci leggere i loro portfolio o solo vogliono chiacchierare di immagini e fotografie.
Ma siamo giunti al fine di strade, vicoli e gallerie. Ricrodiamo con affetto le pause, il tempo di un caffè la mattina, una birra prima di pranzo e un po’ di essenza di finocchio per digestivo e il fiondarsi alle fotografie e al chiacchericcio fotografico.
Arles è stato un brulicare di teste incorniciate delle immagini appese su tutti i muri arlesiani.
Il silenzio delle sale espositive si mescola bene con il brusio delle formiche visitarci smaniose di guardare e, perché no, sbuffare per qualche serie di lavori noiosi o sorridere a occhi spalancati per qualche immagine sorprendente.
Non vogliamo dilungarci e come il dolce e calmo Rodano sembra calmarsi verso le ampie foci della Camargue anche noi ci siamo fatti trasportare lentamente dalla corrente, tra intimismo e progettualità fini a sé stesse.
E come il calmo Rodano si va a perdere a mare anche noi adesso chiuderemo gli occhi.

Annunci